La fotografia commerciale è sotto i nostri occhi tutti i giorni e spesso non ce ne accorgiamo nemmeno. Tecnicamente si tratta di un tipo di fotografia orientata al prodotto che ha finalità di promozione e marketing. In questo articolo ci addentriamo nell’animo della fotografia commerciale per scoprirne i punti di interesse e le caratteristiche fondanti.

Cos’è la fotografia commerciale?

La definizione di fotografia commerciale non esiste perché questa cambia di giorno in giorno grazie alla creatività e alle tendenze correnti in fatto di moda, bellezza, fitness, food, ospitality ecc… Quotidianamente migliaia di foto vengono immesse sul web, sulle riviste e su qualsiasi piattaforma di comunicazione per cui si crea un flusso immenso che si evolve di giorno in giorno, di fotografo in fotografo. Se però volessimo dare una definizione di fotografia commerciale “scolastica” potremmo dire che si tratta di quel genere di scatti finalizzati alla promozione di un bene o servizio con precise tecniche che risaltano le qualità e la value proposition.

La proposta di valore nella fotografia commerciale

“Value proposition” è un termine preso in prestito dal marketing teorico che si riferisce al valore di un bene o servizio quale motivazione per cui questo dovrebbe attrarre le persone. La value proposition di un ristorante si concentra sulla bellezza dei piatti, sul gusto e sulla selezione accurata delle materie prime mentre quella di un’azienda che vende bici elettriche si fonda sulla leggerezza e l’agilità. Come si fotografano questi aspetti? Come si individua una value proposition di un bene attraverso la macchina fotografica? Con la fotografia commerciale, per l’appunto.

Per centrare il valore del soggetto commerciale occorre centrare la giusta tecnica di scatto e la post produzione. La grafica e i software di elaborazione delle immagini vanno a compensare lo scatto ottenuto con tecniche che mirano proprio a mettere in risalto il valore da promuovere e comunicare. La fotografia commerciale non è una semplice trasposizione visiva di un bene ma un processo comunicativo e tecnico che lo renderà interessante, desiderabile e apprezzato. Ovviamente questo tipo di fotografia non deve ingannare e disattendere le attese del cliente con eccessi ritocchi grafici, per lo meno in teoria, ma questo è un altro discorso.

Perché la fotografia commerciale supporta l’azienda?

Il nostro cervello memorizza tante informazioni e la quasi totalità di queste è di tipo visivo, ovvero immagazzinata attraverso gli occhi. Hai mai pensato che quando conosci nuove persone memorizzi bene il volto ma dimentichi facilmente il nome? Questo accade proprio perché il nostro cervello ragiona per immagini e quindi cosa c’è di meglio della fotografia per valorizzare un bene o un prodotto? A livello di marketing nessuna descrizione accurata e ben scritta potrà sostituire una bella fotografia e questo vale soprattutto per gli e-commerce, dove nessuno acquisterebbe un prodotto senza poter vedere com’è fatto. Non trovi?

Applicazioni della fotografia commerciale

La fotografia commerciale trova applicazione per qualsiasi tipo di prodotto, bene o servizio. Nel caso di beni e prodotti, quindi, questo genere di servizio può essere richiesto per pubblicazioni di ogni tipo, dai cartelloni pubblicitari ai cataloghi del sito web. La fotografia commerciale si può declinare in ambito still life, quel genere che consiste nell’immortalare con precise tecniche un soggetto inanimato, oppure in ambito industriale, food&beverage e advertising.

La sua collocazione verrà integrata da apposite figure specializzate in copy, marketing e advertising per dare il giusto risalto e la giusta copertura al prodotto da promuovere. In conclusione, quindi, la fotografia commerciale rientra nel macro-ambito operativo e strategico del marketing ed è uno strumento essenziale di cui le aziende realmente interessate a vendere non possono fare a meno.

CROMIE – AGENZIA DI COMUNICAZIONE

Corso Carlo e Nello Rosselli, 117 – 10129 Torino

3459635487

info@cromie.agency